CANNABIDIOLO: DALLA CANNABIS ALLA FARMACIA.

UN FARMACO PER IL DOLORE E L’EPILESSIA

Ho deciso di scrivere questo articolo sul cannabidiolo perché stimolato dalle domande che ultimamente mi vengono poste da clienti e medici veterinari sull’impiego terapeutico della sostanza.
Indubbiamente intorno al cannabidiolo (CBD) vi è un interesse crescente. Lo si nota a livello internazionale e dalla mole di pubblicazioni scientifiche prodotte in questo ultimo anno. I proprietari, dal canto loro, vogliono sapere se i benefici per gli umani potrebbero aiutare anche i loro amici animali mentre i medici veterinari vogliono vedere prove scientifiche.

Stiamo parlando di uno dei derivati dalla Cannabis; è da questa pianta che è stato isolato e riconosciuto per la prima volta il cannabidiolo. Appartiene ad una categoria di composti che prende il nome di cannabinoidi ed alla quale appartiene anche il tetraidrocannabinolo (THC), un composto responsabile degli effetti stupefacenti della Cannabis. Chiariamo subito che il CBD non è un agente psicoattivo.
Quanto segue è una specie di auto-intervista, sperando che le domande alle quali rispondo siano alcune delle tue.

 

Il CBD è una terapia utile per eventuali disturbi o malattie degli animali domestici?

La FDA (l’ente regolatorio per i medicinali negli Stati Uniti) ha approvato un farmaco con CBD per uso umano, EPIDIOLEX, che viene usato per trattare due forme rare e gravi di epilessia nelle persone: le sindromi di Dravet e di Lennox-Gastaut.

Oltre alle indicazioni di cui sopra, il CBD viene impiegato per i suoi effetti analgesici sia sull’uomo che sugli animali. Nel cane, il CBD è stato impiegato e viene correntemente prescritto nel dolore associato all’osteoartrosi e nell’epilessia.

 

Oltre queste condizioni, gli attuali studi clinici stanno valutando l’uso del CBD in quelle situazioni patologiche per le quali la ricerca di base ha dimostrato che il cannabidiolo è un farmaco promettente.

Esaminando la letteratura scientifica, la grande mole di dati mette in luce quelli che possono essere possibili impieghi del CBD; questi riguardano i disturbi dell’umore come l’ansia, il controllo del dolore cronico, le malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer ed il Parkinson, nonché l’impiego per le sue proprietà antinfiammatorie e per gli effetti sulle cellule tumorali.

Credo valga la pena fare un cenno su questi argomenti per stimolare i più curiosi, precisando che quanto segue non ha la finalità di vantare indicazioni terapeutiche.

 

IL CBD NEL TRATTAMENTO DEL DOLORE

Ho già menzionato l’osteoartrite, ma vorrei estenderlo per includere tutto il dolore, che si tratti di dolore cronico, nervoso, dolore muscolare o dolore chirurgico acuto.

Già nel 2003, formulazioni contenente CBD sono state utilizzate in clinica per studiarne l’efficacia nel ridurre il dolore quando le opzioni terapeutiche tradizionali avevano fallito.

 

CBD E ANSIA

Un altro disturbo di cui si parla sia ad uso umano che veterinario, è l’ansia.
Di fatto, è crescente l’attenzione sull’impiego del CBD nel disturbo da ansia; potrebbe essere di aiuto per trattare i cani con avversione al rumore, ansia da separazione o altri problemi comportamentali.

 

CANCRO

Altro campo affascinante, su cui stanno lavorando gli scienziati, è il cancro. Sembra che il CBD possa avere alcuni effetti antitumorali e la capacità di alleviare gli effetti collaterali della chemioterapia. Se questi risultati venissero confermati, potrebbe avere un ruolo nel campo dell’oncologia come terapia integrata (dove del resto trovano già applicazione preparati a base di Cannabis).

 

Dove trovo e quali prodotti a base di CBD sono affidabili?

Il Italia il CBD è disponibile solamente come preparazione galenica, cioè preparato dal farmacista dietro presentazione di ricetta medica veterinaria.

La vie di somministrazione utilizzate, almeno per il momento, sono quella orale e, più limitatamente, quella transdermica. Per la scelta della forma farmaceutica, è preferibile la soluzione orale da somministrare in gocce, non solo per facilità di somministrazione e personalizzazione del dosaggio ma anche perché, dettaglio di primordiale importanza, è con tale forma che sono stati effettuati gli studi di farmacocinetica sul cane.
Tecnicamente è possibile preparare CBD in pasta appetibile confezionata in siringa graduata.

 

Ho voluto includere la domanda sull’affidabilità del preparato, ma sarebbe più corretto parlare di qualità, perché mi sono reso conto che quando si parla di CBD, si confonde l’argomento con i preparati a base di Cannabis, e quando si parla di Cannabis, si confonde con problematiche inerenti il suo uso illecito, con tutte le notizie fuorvianti che ne derivano. Mi è sembrato quindi doveroso dover precisare quanto segue.

Qui si parla di medicinali. Il medicinale galenico viene preparato secondo criteri scientifici rigorosi, utilizzando materie prime di grado farmaceutico e certificate, nel pieno rispetto della normativa vigente.
Il farmacista appone un’etichetta che abbina un preparato a base di CBD ad una descrizione chiara e attuale degli ingredienti di quel prodotto. Tutto ciò è molto trasparente, e tracciato.

 

Dosaggio

E’ il medico veterinario che stabilisce la posologia; non tutti i pazienti risponderanno allo stesso modo.

Le informazioni seguenti si riferiscono alle esperienze dell’impiego su canino e felino.
Inizialmente, l’intervallo di dosi terapeutiche generalmente accettato per il CBD negli animali era compreso tra 0,1 e 0,5 mg/kg due volte al giorno, ma a seguito degli studi più recenti ed all’esperienza acquisita nella pratica clinica dai medici veterinari, i dosaggi sono stati aumentati, fino a proporre i 5 mg/kg due volte al giorno. Uno studio mostra che un dosaggio fino a 8 mg/kg è sicuro. Attualmente, nella pratica il dosaggio va da 0,1 a 2 mg/kg due volte al giorno.Per quanto ne sappiamo in questo momento, i cani e i gatti dovrebbero essere trattati allo stesso modo.

 

In che modo il CBD interagisce con altri farmaci per animali domestici?

Questo argomento non è stato ancora esplorato completamente. Le maggiori preoccupazioni riguardanti i soggetti con epilessia e osteoartrite sono le reazioni con altri farmaci antiepilettici e con i FANS, che sono al centro del trattamento dell’osteoartrosi in questo momento.In alcuni studi il CBD è stato somministrato contemporaneamente ad altri farmaci antiepilettici e FANS. Non sono stati riscontrati finora effetti collaterali clinici o valori nei risultati di laboratorio significativi.
Al momento, ci si basa sulle osservazioni e “report case”. Studi mirati all’interazione farmaco-farmaco non sono ancora disponibili.

 

Come si pensa che il CBD funzioni fisiologicamente in cani e gatti?

Il meccanismo d’azione del cannabidiolo, in particolare il suo effetto anticonvulsivante, non è stato completamente chiarito. È noto che possiede una bassa affinità per i recettori dei cannabinoidi CB1 e CB2, dove può esercitare effetti sia antagonisti che agonisti. È un agonista parziale del recettore 5-HT1A della serotonina e della modulazione allosterica dei recettori degli oppioidi, in particolare µ e ∂.Sono stati postulati anche altri meccanismi d’azione, per esempio, il CBD potrebbe agire su diversi canali ionici, il che può alterare la neurotrasmissione.

 

I prodotti a base di CBD hanno effetti collaterali negli animali domestici di cui i veterinari devono essere consapevoli?

Sporadicamente sono stati riportati vomito e diarrea nei cani e sembrano manifestazioni autolimitanti.

Per gli effetti di laboratorio, sono riportati aumento di alcuni enzimi epatici, senza conclusioni sulla loro valenza clinica.
L’esperienza non ha finora segnalato eventi gravi.
Bisognerà attendere studi a lungo termine per avere un quadro completo.

 

Posso tenere prodotti a base di CBD nella mia clinica o ambulatorio?

Il medico veterinario può dotare il proprio ambulatorio dei medicinali necessari al normale svolgimento della sua attività. In questo caso, ricorrerà alla ricetta per scorta di impianto.

Per maggiori informazioni potete visitare la pagina dedicata ai medici veterinari o contattare i nostri farmacisti: +39 051221640 – info@farmaciadelpavaglione.it

 

LE PROVE SCIENTIFICHE

Quali studi con CBD sono stati condotti sugli animali?

Sono stati condotti studi di farmacocinetica e di sicurezza sul cane.
La farmacocinetica è stata valutata anche sul gatto.
Studi condotti sugli animali, riguardano l’epilessia e l’artrosi sui cani.

Al di fuori degli studi pubblicati su riviste scientifiche, molte informazioni provengono dalla condivisione delle esperienze attraverso il lavoro dei medici veterinari che hanno utilizzato ed utilizzano preparati a base di CBD per il trattamento degli animali.

Per l’approfondimento propongo alcuni articoli.

 

Does the addition of cannabidiol alongside current drug treatments reduce pain in dogs with osteoarthritis?

Morrow L, Belshaw Z.
Vet Rec. 2020 May 2;186(15):493-494. doi: 10.1136/vr.m1594.PMID: 32358118 No abstract available.

 

Does the addition of cannabidiol to conventional antiepileptic drug treatment reduce seizure frequency in dogs with epilepsy?

Morrow L, Belshaw Z.
Vet Rec. 2020 May 2;186(15):492-493. doi: 10.1136/vr.m1593.PMID: 32358117 No abstract available.

 

A randomized, double-blind, placebo-controlled study of daily cannabidiol for the treatment of canine osteoarthritis pain.

Verrico CD, Wesson S, Konduri V, Hofferek CJ, Vazquez-Perez J, Blair E, Dunner K Jr, Salimpour P, Decker WK, Halpert MM.
Pain. 2020 Apr 24. doi: 10.1097/j.pain.0000000000001896. Online ahead of print.PMID: 32345916

 

Adverse effects of cannabidiol: a systematic review and meta-analysis of randomized clinical trials.

Chesney E, Oliver D, Green A, Sovi S, Wilson J, Englund A, Freeman TP, McGuire P.
Neuropsychopharmacology. 2020 Apr 8. doi: 10.1038/s41386-020-0667-2. Online ahead of print.PMID: 32268347

 

Comparative metabolism of cannabidiol in dog, rat and man.

Harvey DJ, Samara E, Mechoulam R.
Pharmacol Biochem Behav. 1991 Nov;40(3):523-32. doi: 10.1016/0091-3057(91)90358-9.PMID: 1806942

 

Pharmacokinetics of urinary metabolites of cannabidiol in the dog.

Samara E, Bialer M, Harvey DJ.
Biopharm Drug Dispos. 1990 Dec;11(9):785-95. doi: 10.1002/bdd.2510110906.PMID: 2271754

 

Randomized blinded controlled clinical trial to assess the effect of oral cannabidiol administration in addition to conventional antiepileptic treatment on seizure frequency in dogs with intractable idiopathic epilepsy.

McGrath S, Bartner LR, Rao S, Packer RA, Gustafson DL.
J Am Vet Med Assoc. 2019 Jun 1;254(11):1301-1308. doi: 10.2460/javma.254.11.1301.PMID: 31067185

 

Pharmacokinetics, Safety, and Clinical Efficacy of Cannabidiol Treatment in Osteoarthritic Dogs.

Gamble LJ, Boesch JM, Frye CW, Schwark WS, Mann S, Wolfe L, Brown H, Berthelsen ES, Wakshlag JJ.
Front Vet Sci. 2018 Jul 23;5:165. doi: 10.3389/fvets.2018.00165. eCollection 2018.PMID: 30083539 Free PMC article.

 

Pharmacokinetics of cannabidiol administered by 3 delivery methods at 2 different dosages to healthy dogs.

Bartner LR, McGrath S, Rao S, Hyatt LK, Wittenburg LA.
Can J Vet Res. 2018 Jul;82(3):178-183.PMID: 30026641 Free PMC article. Clinical Trial.

 

Pharmacokinetics of cannabidiol in dogs.

Samara E, Bialer M, Mechoulam R.
Drug Metab Dispos. 1988 May-Jun;16(3):469-72.PMID: 2900742

 

Toxicology of Marijuana, Synthetic Cannabinoids, and Cannabidiol in Dogs and Cats.

Brutlag A, Hommerding H.

 

“Single-Dose Pharmacokinetics and Preliminary Safety Assessment With Use of CBD-Rich Hemp Nutraceutical in Healthy Dogs and Cats”: http://bit.ly/2TzmAkL

 

“Preliminary Investigation of the Safety of Escalating Cannabinoid Doses in Healthy Dogs”: http://bit.ly/38qdBbi

 

Does the addition of cannabidiol alongside current drug treatments reduce pain in dogs with osteoarthritis?

Morrow L, Belshaw Z.
Vet Rec. 2020 May 2;186(15):493-494. doi: 10.1136/vr.m1594.PMID: 32358118 No abstract available.

 

Does the addition of cannabidiol to conventional antiepileptic drug treatment reduce seizure frequency in dogs with epilepsy?

Morrow L, Belshaw Z.
Vet Rec. 2020 May 2;186(15):492-493. doi: 10.1136/vr.m1593.PMID: 32358117 No abstract available.

 

A randomized, double-blind, placebo-controlled study of daily cannabidiol for the treatment of canine osteoarthritis pain.

Verrico CD, Wesson S, Konduri V, Hofferek CJ, Vazquez-Perez J, Blair E, Dunner K Jr, Salimpour P, Decker WK, Halpert MM.
Pain. 2020 Apr 24. doi: 10.1097/j.pain.0000000000001896. Online ahead of print.PMID: 32345916

 

Adverse effects of cannabidiol: a systematic review and meta-analysis of randomized clinical trials.

Chesney E, Oliver D, Green A, Sovi S, Wilson J, Englund A, Freeman TP, McGuire P.
Neuropsychopharmacology. 2020 Apr 8. doi: 10.1038/s41386-020-0667-2. Online ahead of print.PMID: 32268347

 

Comparative metabolism of cannabidiol in dog, rat and man.

Harvey DJ, Samara E, Mechoulam R.
Pharmacol Biochem Behav. 1991 Nov;40(3):523-32. doi: 10.1016/0091-3057(91)90358-9.PMID: 1806942

 

Pharmacokinetics of urinary metabolites of cannabidiol in the dog.

Samara E, Bialer M, Harvey DJ.
Biopharm Drug Dispos. 1990 Dec;11(9):785-95. doi: 10.1002/bdd.2510110906.PMID: 2271754

 

Randomized blinded controlled clinical trial to assess the effect of oral cannabidiol administration in addition to conventional antiepileptic treatment on seizure frequency in dogs with intractable idiopathic epilepsy.

McGrath S, Bartner LR, Rao S, Packer RA, Gustafson DL.
J Am Vet Med Assoc. 2019 Jun 1;254(11):1301-1308. doi: 10.2460/javma.254.11.1301.PMID: 31067185

 

Pharmacokinetics, Safety, and Clinical Efficacy of Cannabidiol Treatment in Osteoarthritic Dogs.

Gamble LJ, Boesch JM, Frye CW, Schwark WS, Mann S, Wolfe L, Brown H, Berthelsen ES, Wakshlag JJ.
Front Vet Sci. 2018 Jul 23;5:165. doi: 10.3389/fvets.2018.00165. eCollection 2018.PMID: 30083539 Free PMC article.

 

Pharmacokinetics of cannabidiol administered by 3 delivery methods at 2 different dosages to healthy dogs.

Bartner LR, McGrath S, Rao S, Hyatt LK, Wittenburg LA.
Can J Vet Res. 2018 Jul;82(3):178-183.PMID: 30026641 Free PMC article. Clinical Trial.

 

Pharmacokinetics of cannabidiol in dogs.

Samara E, Bialer M, Mechoulam R.
Drug Metab Dispos. 1988 May-Jun;16(3):469-72.PMID: 2900742

 

Toxicology of Marijuana, Synthetic Cannabinoids, and Cannabidiol in Dogs and Cats.

Brutlag A, Hommerding H.