La ciclosporina A (CSA) è un potente immunomodulatore originariamente isolato da un fungo del suolo, il Tolypocladium inflatum.

Inizialmente è stata utilizzata come immunosoppressore contro il rigetto nei trapianti di organi solidi.

Il farmaco è utilizzato in medicina veterinaria, sia in campo dermatologico che oculistico, per controllare processi infiammatori associati ad una disfunzione della risposta immunitaria.

Nel primo caso, nel trattamento di malattie della pelle quali allergie e dermatiti atopiche; nel secondo, nella cheratocongiuntivite secca.

Ciclosporina nella dermatite atopica canina e felina

Il sintomo caratteristico della dermatite atopica canina è il prurito, che spesso varia in gravità con i cambiamenti stagionali.

Il prurito può avere un effetto negativo sulla qualità della vita e sul legame uomo-animale ed è uno dei motivi principali per cui i proprietari si rivolgono al medico veterinario per la cura dei loro amici a quattro zampe.

Le modalità di trattamento tradizionali includono antistaminici, glucocorticoidi e immunoterapia specifica per allergeni (iposensibilizzazione).

La ciclosporina in cps orali è un’ulteriore opzione terapeutica a disposizione dei medici veterinari.

Il farmaco è efficace nel trattamento della dermatosi canina e felina, inoltre, viene utilizzata per trattare una serie di malattie cutanee recalcitranti, che vanno dalle fistole perianali canine al Complesso Granuloma Eosinofilico felino.

Quando il farmaco non è disponibile in commercio nei dosaggi e forme stabilite, il medico veterinario può sempre ricorrere al medicinale galenico, cioè quello allestito presso il laboratorio galenico della farmacia, dietro presentazione di ricetta medica.

Ciclosporina nella cheratocongiuntivite del cane

La cheratocongiuntivite secca del cane, conosciuta anche come sindrome dell’occhio secco o, più semplicemente, occhio secco, è una patologia oculare relativamente frequente, caratterizzata da un’insufficiente produzione della componente acquosa delle lacrime.

Con l’andare del tempo, si instaura un’infiammazione cronica della congiuntiva e della cornea.

La sindrome dell’occhio secco colpisce tutte le razze, ma alcune sembrano maggiormente predisposte: bulldog, cocker spaniel, lhasa apso, shih tzu, west highland white terrier e yorkshire terrier.

Le forme più gravi possono causare una notevole riduzione della visione e, in alcuni casi, si può arrivare addirittura alla perdita completa della vista.

Quando il problema è legato a una patologia immunomediata, spesso viene prescritta la ciclosporina in forma di gocce oculari.

I colliri a base di ciclosporina possono essere allestiti dal farmacista preparatore presso il laboratorio galenico della farmacia, dietro presentazione di ricetta medica.

Coloro che vogliano approfondire gli aspetti formulativi e normativi, sono invitati a visitare il nostro sito alla pagina https://farmaciadelpavaglione.it/area-medici (area riservata ai medici e veterinari) o contattare direttamente i nostri farmacisti: +39 051 221640 – info@farmaciadelpavaglione.it.